Duomo, Ravello

Il Duomo, Ravello - Costiera Amalfitana, Italia

Il Duomo, che affaccia nella piazza principale (Piazza Vescovado), è il centro spirituale e sociale di Ravello.

Costruito nel XI secolo con il supporto della famiglia Rufolo, il Duomo è una combinazione di stile Barocco e Romanesco.

Dedicato a San Pantaleone, la chiesa ha subito vaste modifiche e restauri negli ultimi 900 anni. La splendente facciata bianca del Duomo risale all’ultima maggiore restaurazione nel 1931.

Il campanile del Duomo, che risale al XIII secolo, mostra l’influenza Moresca e Bizantina.

Il Duomo visto da Piazza Vescovado
Il Duomo visto da Piazza Vescovado

Presiediuto da un vescovo, il Duomo ha goduto di un alto status durante gran parte della sua storia.

Oggi il Duomo è principalmente ricordato per cinque attrazioni:

La prima è la porta di bronzo, che fu temporaniamente rimossa per restaurazione nel 2010. Costruita nel 1179 da Barisano da Trani, la porta è di interesse speciale perché in Italia sono poco piu di due dozine le porte di chiesa in bronzo ancora esistenti, tre di esse di Trani.

Il secondo elemento di nota speciale è il pulpito, che è supportato da sei colonne a spirale poste su dei leoni di marmo.

Il pulpito del Duomo

Sul lato sinistro del pulpito, si trova l’Ambo degli Epistoli che vanta due meravigliosi mosaici di Giona e la Balena.

Mosaici di Giona e la Balena
Mosaici di Giona e la Balena

La quarta area di speciale interesse è la Cappella di San Pantaleone il Guaritore, un medico del III secolo che fu decapitato, su ordine dell’Imperatore Diocleziano, dopo che si convertì al Cristianesimo. La Cappella ha una piccola ampolla del sangue del santo, che si dice si liquefaccia ogni anno il 27 di Luglio, anniversario del suo martirio. La cappella ha anche un busto di argento del santo venerato della città.

Il Campanile del Duomo - Dipinto di Chris Apel
Il Campanile del Duomo - Dipinto di Chris Apel

L’attrazione finale è il museo della cattedrale, che è accessibile attraverso l’ingresso laterale in Via Richard Wagner. Anche se la collezzione del museo è relativamente piccola, contiene diverse sculture significanti e altri lavori d’arte, in particolare il famoso busto di marmo che si creda appartenga a Sigilgaida Rufolo, la moglie di Nicola Rufolo, mercante del XIII secolo che commissionò il pulpito della cattedrale. Altre fonti dicono che il busto rappresenti la Maddona o, in alternativa, Giovanna, la Regina di Napoli.

Famoso busto di marmo che si creda appartenga a Sigilgaida Rufolo
Famoso busto di marmo che si creda appartenga a Sigilgaida Rufolo
Altri Attrazioni di Ravello

...da non perdere!

Scopri Ravello

Vieni e goditi il cibo, la musica, e la bellezza che rende Ravello cosi speciale