Belvedere di Villa Cimbrone; anche conosciuto come Terrazza dell’Infinito

Villa Cimbrone, Ravello - Costiera Amalfitana, Italia

Situata in cima ad un promontorio che offre incantevoli vedute del Mediterraneo e dell’epica costa sottostante, Villa Cimbrone è la corona d’alloro di Ravello.

Le sue origini risalgono all’XI secolo, sebbene la villa e i suoi giardini siano stati intensamente rinnovati da un nobile inglese, Lord Grimthorpe, agli inizi del XX secolo.

Con i suoi immensi giardini e viste da sogno, la villa è un luogo noto per matrimoni, lune di miele e banchetti. La villa in sè, è un hotel privato a cinque stelle (Hotel Villa Cimbrone), ma i giardini sono aperti al pubblico e si qualifica nel complesso, forse, come la vista più memorabile della Costiera Amalfitana.

Visite guidate: per prenotare una visita guidata contatta lo staff della villa telefonando al numero +39 089 857459 o inviando una email a info@villacimbrone.com

<em>Belvedere</em> di Villa Cimbrone; anche conosciuto come <em>Terrazza dell’Infinito</em>
Belvedere di Villa Cimbrone; anche conosciuto come Terrazza dell’Infinito

Terrazza dell’Infinito

Il belvedere della villa, Terrazza dell’Infinito, è delineato da una serie di busti marmorei che, nelle giornate limpide, si evidenziano a contrasto col cielo celeste retrostante e con le acque azzurre del Mediterraneo sottostante.

Terrazza dell’Infinito
Terrazza dell’Infinito

Gore Vidal, il noto autore americano e residente a Ravello per lungo tempo, affermò fieramente che la vista dal Belvedere fosse la più la più raffinata del mondo, e che nessuno che avesse visitato il Belvedere durante un giorno sereno avrebbe dubbi a riguardo.

“Mi fu chiesto da una rivista americana quale era il luogo più bello che io avessi mai visto in tutti i miei viaggi, e io ho risposto: il panorama del belvedere di villa Cimbrone in un luminoso giorno d’inverno, quando il cielo e il mare sono così vividamente azzurri che non è possibile distinguerli l’uno dall’altro.”

Gore Vidal

Incombendo a più di 365 metri sul Mar Mediterraneo, la vista a strapiombo non è raccomandabile ai deboli di cuore, ma durante i giorni ventilati, la corrente ascensionale può dare un eccezionale sensazione ai vostri capelli al vento.

La vista del <em>Belvedere</em>
La vista del Belvedere

In lontananza, si può ammirare il profilo delle Montagne del Cilento ed accanto, la piana su cui venne costruita l’antica città di Paestum.

Giardini di Villa Cimbrone
Giardini di Villa Cimbrone

Il sentiero principale, Viale dell’Immenso, include una pergola, che si nota di più in estate con il bianco e blu dei glicini in piena fioritura. I giardini stessi sono adornati con templi, statuari, e altre ricreazioni che conferiscono nettamente un tocco classico. Nel vostro cammino attraverso i giardini, non perdetevi:

Viale dell’Immenso
Viale dell’Immenso

Nel vostro cammino attraverso i giardini, non perdetevi:

  • La Statua di Ceres, che è situata in un piccolo tempio immediatamente adiacente al belvedere;
  • Il Poggio di Mercurio;
  • Tempietto di Bacco;
  • Grotta di Eva;
  • La Statua del David, una copia della famosa scultura del vittorioso David di Donatello. (L’originale si trova nel Museo Nazionale di Firenze)
  • La Terrazza delle Rose, che si trova solo a pochi passi dalla villa;
  • La Stanza del Tè, un giardino rettangolare accanto al giardino delle rose che comprende un gazebo in stile moresco, quattro colonne dell’era Romana, e alcune sculture meravigliose.
Hotel Villa Cimbrone
Hotel Villa Cimbrone

Anche se l’hotel non è aperto al pubblico, il chiostro e la cripta meritano di essere visitate.

Il chiostro, proprio di fronte alla biglietteria, fu ampiamente ridecorata da Lord Grimthorpe un secola fa. Ha una magnifica copertura al centro, e le mura del chiostro sono riccamente ornamentate con bassirilievi importati e terracotta antica, la più notevole è una tegola del famoso Luca Della Robbia.

La cripta, un’altra creazione di Lord Grimthorpe, è stata realizzata seguendo il modello del cellarium dei monaci di Fountains Abbey, un monastero Cistercense vicino Malton, Inghilterra, dove Grimthorpe nacque. Con le sue collone massicce, interno ombreggiato, e le ampie viste del Mediterraneo, è il posto ideale per i ricevimenti.

Dettaglio di architettura
Dettaglio di architettura

Ospiti noti

Un secolo fa, poco dopo la ristrutturazione di Grimthorpe, la Villa Cimbrone divenne un ritrovo popolare del famoso gruppo Bloomsbury di Londra, un circolo di intelletuali dei primi del XX secolo che includeva Virginia Woolf e Lytton Strachey.

Altri ospiti noti, includevano Winston Curchill, l’autore E.M Forster, e il celebre economista Maynard Keynes D.H. Lawrence, l’autore di Lady Chatterley’s Lover, che lasciò letteralmente il suo marchio nel giardino della villa, quando lui e un amico decisero di dare alla Statua di Eva una fresca, e inautorizzata, mano di vernice.

Citazione di D.H. Lawrence
Citazione di D.H. Lawrence

“Perduto ad un mondo in cui non ambisco avere alcuna parte, siedo solo e comunico con il mio cuore. Compiaciuto del mio piccolo angolo della terra, felice di essere venuto, non dispiaciuto di dover ripartire.”

D.H. Lawrence

La Villa Cimbrone funse anche da ritrovo romantico a Greta Garbo, la bella e solitaria attrice, che silenziosamente fuggì da qui nel Febbraio del 1938 con l’intenzione di sposare Leopold Stowkowski, conduttore Anglo-Americano che scrisse e produsse la colonna sonora per Fantasia della Walt Disney. Sebbene il loro matrimonio non fu mai consumato, la loro permanenza alla Villa Cimbrione divenne velocemente un’attrazione internazionale quando la voce del loro arrivo trapelò nei giornali.

Sebbene il loro matrimonio non fu mai consumato, la loro permanenza alla Villa Cimbrione divenne velocemente un’attrazione internazionale quando la voce del loro arrivo trapelò nei giornali.

Drone video di Villa Cimbrone e dei suoi giardini (Ravello, Costiera Amalfitana, Italia)

Da non perdere la Villa Cimbrone!

...e anche l'altra villa famosa e i suoi giardini: Villa Rufolo

Altri Attrazioni di Ravello

...da non perdere!

Scopri Ravello

Vieni e goditi il cibo, la musica, e la bellezza che rende Ravello cosi speciale